Associazione Presenza Culturale

amici di Romolo Liberale

Concorso Poesia

Romolo Liberale

2018

Il concorso - articolato  in tre sezioni e aperto a tutti- ha lo scopo di rendere omaggio alla memoria di un poeta e scrittore di profonda sensibilità e di grande impegno, nelle cui opere le difficoltà e le ingiustizie, che caratterizzano la condizione esistenziale e sociale dell'uomo del nostro tempo, assumono particolari accenti lirici, solcati sempre dalla speranza e dalla prospettiva del riscatto.

Regolamento

Il concorso è articolato in tre sezioni:

Adulti; Studenti delle scuole secondarie e di secondo grado; Studenti delle scuole secondarie di primo grado.

 

1- La partecipazione è gratuita e si potrà concorrere con un massimo di tre poesie inedite, a tema libero.

2- Le opere dovranno pervenire, entro il 9 maggio , al seguente indirizzo: Segreteria del Premio di Poesia " Romolo Liberale", Via America, 60 - 67051 Avezzano (AQ).

3- Gli elaborati saranno inviati in buste chiuse e non dovranno essere firmati; in busta separata, inclusa in quella comprendente l'elaborato, sarà inserita una scheda di

      partecipazione, debitamente firmata, contenente nome, cognome, indirizzo, recapito telefonico ed eventuale e-mail del concorrente.

4- Saranno premiate tre poesie per ciascuna delle tre sezioni in cui si articola il concorso.

5- La cerimonia di premiazione si terrà nell'aula magna "Ugo Maria Palanza" del liceo Classico "Alessandro Torlonia" di Avezzano, in data 26 maggio 2018

È istituita un’apposita sezione dedicata agli alunni delle scuole secondarie di primo grado, secondo le regole di partecipazione sopra riportate.

Giuria

Video Premiazione

Alberto Marino

Maria Caterina De Blasis

Amina Carusi

Anna Maria Giancarli

Rosa Mazzulli

Maria Assunta Oddi

Ilio Leonio

 

Premi e vincitori

 Scrittore

Ricercatrice Universitaria

 Insegnante

Poeta

Insegnante

Poeta

Pedagogo

 

Adulti

1° Premio

2° Premio

3° Premio

Autore

 

Titolo

 

Città

Achenza Franco

 

OSWIECIM

 

Alghero (SS)

 

(Viaggio ad Auschwitz)

 

A memoria, il passo incolonnato

ferrato e battente

e la sua piaga

di fantasmi muti e scalzi

squarciano i giorni

e il loro incessante mutare,

quando nel cielo aperto

la luce disfa avara.

 

Lacerante,il treno

di città in città

sbuffa spasmi di sgomento e orrore.

lenta e oscura

lavora l'agonia,

spoglia di decoro e dignità.

Afferra e strappa avida

il cuore

il nome

la radice.

 

Nella coatta dispersione,

corale litania

si trascina dietro fili spinati;

accorda il pianto,

modula il passo fangoso

e I'orrido lezzo.

 

Estenuante lo sciogliersi del tempo

smembra e irride,

offende e affonda

nei suoi baratri infernali.

Avanza attonita I'ora tarda,

in un lascito pigiato

di capelli, occhiali e stelle.

nell'ultimo disperato viaggio.

 

Beffardo,l'inganno dei camini

non e più sparpaglio di anime,

ma palpito di riscatto.

Della notte iniqua di silenzi,

rimarrà nell'aria

urlo di risacca

e bagliori di candele accese.

 

OSWIECIM

 

Venturini Gloria

 

TRA FIORI E DIMENTICANZE

 

Lendinara (RO)

TRA FIORI E DIMENTICANZE

 

C'era un nuovo chiarore che s'inoltrava

tra i sentieri del primo mattino,

una luna tonda troneggiava sullo sfondo del cielo,

padrona di una cartolina che non voleva sbiadire.

Piovevano sulla nostra giovinezza

gocce di cielo, ingigantite da speranze appena nate,

accese sui nostri cuori in fiamme.

Io e te, due ragazzi come tanti,

parka uguali e zaino in spalla,

seduti sui gradini di una chiesa

a parlarsi di un libro appena letto.

Non sapevamo che un giorno pieno di silenzi

avrebbe cominciato a separare i sentieri,

a scompagnare i nostri passi.

Ci tenemmo per mano a più non posso

tra i colori e le fasce della vita,

chiusi dentro a un'emozione,

in fondo ad un tramonto che tardava ad andar via.

Ed ora, in questa strana stanza,

ti ritrovo incorniciato in una fotografia,

mentre sola ondeggio tra i ricordi e le dimenticanze.

 Sul balcone, un fiore da innaffiare.

 

 

Aldo Palmas

 

ERA MIO PADRE

 

Iglesias (CI)

ERA MIO PADRE

 

Gli occhi chiari,

verdi

come il mare,

seguivano

nel buio

stelle lucenti.

La mimosa

colorava

i giardini

di primavera.

I sospiri

delle rondini

si accostavano

al suo letto,

senza fare

rumore.

All'orizzonte

si era spento

il sole.

Era solo

quella notte

di marzo.

Solo,

con la sua anima.

Era mio Padre.

   .

Immagini della giornata

PREMIO SPECIALE

MENZIONI

  • Autore: SPEDICATO ASSUNTA

    Titolo

     

    città

    FRONTE VEGETATIVO

     

    Corato (BA)

     

  • Autore: INDUSTRIA NUNZIO

    Titolo

     

    Città

     

    IL VIAGGIO

     

    Napoli

     

  • Autore: DE PRATI GIOVANNI

    Titolo

     

    città

     IL PESCATORE DEL LAGO

     

    Avezzano (AQ)

  • Autore: CANINO ANGELO

    TITOLO

     

    Città

     

     IL CHIODO PIEGATO

     

    Cosenza

  • Autore: DE VECCHIS EMILIA

    Titolo

     

    Città

     

    FRATELLO MIO

     

    Capistrello (AQ)

     

  • Autore: ROSSI AGATA

    Titolo

     

    Città

    A NONNEMO EMIGRANTE

     

    Sante Marie (AQ)

     

  • Autore: ANNA DELL'AGATA

    Titolo

     

    Città

    GRAN SASSO SPOGLIATO

     

    Pineto (TE)

sezione scuole superiori

1° Premio

2° Premio

3° Premio

Autore

 

Titolo

 

Città

Luce Santato

 

IL TUO – MIO ULTIMO BACIO

 

Liceo Artistico Castelmassa (Rovigo)

IL TUO - IL MIO ULTIMO BACIO

 

 

E' un dolore, un attimo continuo

che tempesta la mia mente

e mi stringe il cuore.

Quel ricordo, quelle tue mani,

la carezza volata via, lontano    nel vento,

in quell'ultima domenica di marzo.

 Ricordi?

E'già passato un anno,

 a me sembra ieri.

Un pomeriggio come tanti,

il tuo sorriso impresso in un bacio,

mi manca il tuo - il mio ultimo bacio.

Poi, di corsa verso casa,

galoppando sul motorino rosso fiamma,

la scheggia, come lo chiamavi tu,

quella scheggia che si è conficcata nella tua vita,

portandoti via da questo mondo,

da me, da chi ti ama ... tanto.

Mi machi lo so, e so che lo sai...

Ti parlo guardando il cielo,

invece devo cercarti dentro.

ll tempo cancella I'immagine dite,

il colore dei tuoi occhi lo devo ritrovare

tra i pixel di una fotografia,

nascosta nella galleria del telefonino,

dove sono custoditi quel che resta

dei nostri momenti.

Un audio mi rammenta il suono delle tue parole,

ma l'emozione quella no,

quella scende ancora sulle mie guance

in compagnia di una lacrima amica.

Avevi il sole dentro ed il sole ti ha preso con sé,

ed io, io sto barcollando ancora nella notte,

ai piedi di un'acquasantiera vuota,

senza più voce e senza alcuna preghiera.

Autore

 

Titolo

 

Città

Maria Baldassarre

 

TSILENZIO

 

Istituto Per Agricoltura Avezzan

IL SILENZIO...

 

Corpi inerti galleggiano

come barche inancorate,

su un mare d'assenzio amaro,

insanguinato...

Silente, conserva memorie

di giovani donne abusate,

di bambini innocenti,

senza patria né terra.

 

Mare nero

che inghiotte sogni

di giovani guerrieri

e il pianto di giovani madri

che attendono

invano di udire una voce,

la sola che possa colmare

un disperato amore.

 

Silenzio...

Soltanto sciacquio

di onde indifferenti,

 

senza speranza

per una vita diversa

senza più sofferenza.

 

Autore

 

Titolo

 

Città

Irimia Bianca

 

IL LAMENTO

 

Liceo Artistico Avezzano

 

IL LAMENTO

 

Dove sono finite le parole dolci?

Che fine hanno fatto i dolci momenti spontanei?

Mi sento terribilmente sola!

I ricordi sono acri

Il pensiero di quei baci assenti mi apre le ferite.

Perché tanta freddezza?

Perché dimenticare il bene e le affinità?

Purtroppo il calore è diventato gelo.

Io non lo accetto!

Mi manca il tempo felice!

Mi manca il paradiso in cui ero.

Spero che passi la tempesta.

Torniamo sereni a guardarci negli occhi.

   Mi manchi

 

MENZIONI

SEZIONE SCUOLE MEDIE

1° Premio

2° Premio

3° Premio

Autore

 

Titolo

 

Città

Emma Maussier

 

RESTA PER FAVORE

 

Vivenza

RESTA PER FAVORE

 

sei sempre nel mio cuore,

nei miei pensieri,

sei il mio amore.

Per un tuo abbraccio

aspetterei ore.

Per me,

sei quel piccolo grande particolare,

che da solo riesce a riempire

un cielo immenso d'amore.

È brutto dirti "ciao",

quando vorrei dirti "resta pèr favore".

il mio amore per te,

è come il mare,

per incontrarti,

potrei annegare.

Voglio parlare al tuo cuore,

E dirti resta per favore.

 

Autore

 

Titolo

 

Città

Santucci Aurora

 

UN RICORDO SPECIALE

 

Celano

UN RICORDO SPECIALE

 

La strada si apre all'improvviso,

e si scorge sul mio volto un sorriso

appare all'orizzonte un gioiello,

dominato dal suo nobile castello.

 

L'emozione prende il sopravvento

il mio cuore batte forte contento:

è desideroso di ritrovare

le sensazioni di un ricordo speciale.

 

Le onde iniziano una danza

per accogliermi con eleganza;

il sole sembra volermi salutare

e coi suoi raggi accarezzare.

la città festeggia il mio ritorno!

      .

Autore

 

Titolo

 

Città

Tina Bianchi

 

HAIKU

 

Vivenza

HAIKU

AUTUNNO:

codono danzando

le foglie su un

tappeto di lamenti

 

INVERNO:

Cadono come dame

in bianco

i fiocchi di neve

 

PRIMAVERA:

Crescono fragili

come bambini

i teneri fiori

 

ESTATE:

Sole in un afo

di tranquillità

il coldo del sole

 

AMICIZIA:

Ti aiutano

quando hai bisogno

gli amici veri

 

LA MUSTCA:

Ballono

le note

canterine

 

UN ARCOBALENO DI MAGIA:

Stanno in un arco

di fantasia

i variopinti colori

 

LA PIOGGIA:

Sembro triste

ma non lo è

la fresca pioggia

 

LE STELLE:

Brillano illuminando

il cammino della vita

gli astri del cielo

 

MENZIONI

PROGETTO “ROMOLO LIBERALE”

CONCORSO DI POESIA 2018

SCUOLA MEDIA TRASACCO

 

1° Premio

2° Premio

3° Premio

Autori

 

 

 

Titolo

Finucci Carmela, Carusi Giusy, Pierbattista Paola, Cambise Rebecca, Lippa Chiara

 

 

A TE, REBECCA

A TE, REBECCA

 

Il tuo volto si fa spazio nei nostri spensierati momenti.

Cara amica, mai svelata, mai lasciata...

Tutto per te era naturale!

Tu, fiera e coraggiosa, dietro un sorriso

una bestia riuscivi a celare.

Essa ti mordeva giorno dopo giorno

fino a quando, una mattina, la luce del sole

non accarezzò più i tuoi occhi.

Dolce amica... quanti momenti passati insieme!

Quanti anni donati al cielo della tua gioventù!

Svaniti quegli anni che avevamo potuto

vivere e godere insieme?

Persi quegli anni che scappavano dietro di noi

per non tornare più?

Ora sei parte dell'immensità,

fai parte del profumo dei fiori,

del fruscio del vento,

della calma estiva e del freddo inverno...

Ora sei nel nostro guardare,

nel nostro sentire,

nello spazio profondo del nostro essere

e nel cuore del mondo!

Ogni cosa da noi percepita

ci fa capire quanto sei viva...

Fai parte di tutto ciò che ci circonda

e questo sentimento nel cuore sprofonda

Autore

 

Titolo

 

 

Fosca Chiara

 

UN SOGNO

UN SOGNO

 

Se hai un sogno,

SEGUILO !

Se hai un sogno

PROTEGGILO !

Se hai un sogno

sarai felice,

ti troverai bene

nel tuo mondo !

Se hai un sogno

VIVILO!

Se hai un sogno

COLTIVALO !

Se hai un sogno

tienitelo! è il tuo!

Non darlo a nessuno!

Perché se hai un sogno

avrai un futuro

e se lo realizzi

ti troverai in un

SOGNO!.

Autore

 

Titolo

 

 

Motya Selma

 

A TE

 

 

A TE

 

Vivere solo una volta,

piangere e celare le lacrime...

lasciare che il vento ti porti via

nel cielo e sulla terra e...

sentire il mio cuore che batte per te.

Nell'aria cosi buia e nel vento tempestoso

la mia vita è un sogno dal quale mai

vorrei svegliarmi...

mi basterebbe restare con te!

MENZIONI