Associazione Presenza Culturale

amici di Romolo Liberale

Concorso Poesia

Romolo Liberale

2017

Il concorso, aperto a tutti, ha lo scopo di rendere omaggio a un poeta di profonda sensibilità, nelle cui opere la condizione esistenziale e sociale dell’uomo del nostro tempo perde i connotati spazio temporali e attinge il significato di un viaggio senza luogo e senza tempo nelle profondità dell’animo umano.

Regolamento

  1. La partecipazione è gratuita e si potrà concorrere con un massimo di tre poesie inedite, a tema libero.
  2. Le opere dovranno pervenire, entro le ore 14 del 3 maggio 2016, al seguente indirizzo: Segreteria del Premio di Poesia “Romolo Liberale”, Via America, 60 – 67051 Avezzano (AQ).
  3. Gli elaborati saranno inviati in busta chiusa e non dovranno essere firmati; in busta separata, inclusa in quella comprendente l’elaborato, sarà inserita una scheda di partecipazione, debitamente firmata, contenente nome, cognome, indirizzo, recapito telefonico ed eventuale e-mail del concorrente.
  4. Saranno premiate tre poesie.
  5. La cerimonia di premiazione si terrà nell’aula magna “Ugo Maria Palanza” del Liceo Classico “Alessandro Torlonia” di Avezzano, in data 21 maggio 2016, alle ore 10.30.

È istituita un’apposita sezione dedicata agli alunni delle scuole secondarie di primo grado, secondo le regole di partecipazione sopra riportate.

La Giuria

Alberto Marino

Maria Caterina De Blasis

Amina Carusi

Anna Maria Giancarli

Rosa Mazzulli

Maria Assunta Oddi

Ilio Leonio

 

 Scrittore

Ricercatrice Universitaria

 Insegnante

Poeta

Insegnante

Poeta

 Pedagogo

 

Sabato 27 maggio, alle 10.30 nell’aula Magna del liceo Classico Alessandro Torlonia ad Avezzano, si è svolta la cerimonia di premiazione per il concorso nazionale di poesia intitolato a Romolo Liberale, promosso dall’associazione “Presenza Culturale”. L’evento, presentato da Maria Caterina De Blasis, ha visto la partecipazione dei premiati, provenienti da tutta Italia. Le poesie dei vincitori sono state lette da Filomena Fazi e le motivazioni sono state espresse dai membri della giuria, Amina Carusi e Maria Assunta Oddi . I premi, consistenti nella riproduzione della chimera dei Marsi  e la scultura raffigurante un libro, sono stati realizzati dagli studenti del Liceo Artistico Bellisario. Inoltre un'opera  grafica  realizzata dal maestro Vincenzo Corsi.

Premi e vincitori

Adulti

1° Premio

2° Premio

3° Premio

Autore

 

Titolo

 

Città

Davide Rocco Colacrai

 

 Gli eterni ritorni (al poeta B, 1945)

 

Terranuova B (Arezzo)

 

 Gli eterni ritorni

C:era I'odore scavato delle lacrime,

I'attesa che una ferita si esaurisse in apostasia,

c'era il canto lento di una solitudine

impressa sulle labbra,

il soliloquio indefinito della guerra

all'ombra delle braccia conserte di un tiglio

a ricordare il gesto di chi ha mantenuto vivo il falò

del suo essere poeta,

non più che una radice sghemba d'uomo.

 

Impigliati alle vene del cielo c'erano sogni,

 ad essi il costato ammaccato di una bicicletta in appoggio,

la croce del mondo,

I'innocenza dei monti ammorbiditi dalla neve,

e il silenzio,

come di una sospensione

tra I'addio alle armi e il vivere di nuovo e ancora,

il confine imbevuto di fuliggine del cuore

che ha costretto un bambino a uomo, una sorella a madre.

 

Contavamo sulla dita le nostra età,

qualcuno fischiava, altri accennavano un sorriso,

e insieme ci struggevamo per lo spazio certo del focolare,

il solletico al naso del polline,

la calma delle nuvole di passaggio,

il gioco obliquo di una farfalla,

le stelle, la salsedine, I'amore, e I'eco delle più piccole cose,

per affondare nelle rughe di un genitore

 e sapere che nulla era cambiato, noi uomini ancora figli, chi più chi meno.

 

Eravamo zolle di carne e confini d'ossa

dove ogni nome era un esordio compiuto della terra,

e la vita ramificava in una manciata di orme da stagione

a lavare i ricordi,

ognuno dei quali barava, come I'ultimo dei tarocchi, con la sorte

prima di declinarsi al perdono,

non più che la bellezza morbida del dolore

in un seme di sangue di primavera

che disseta.

 

Autore

 

Titolo

 

Città

Pietro Catalano

 

 I bambini di Aleppo

 

Roma

 

 I bambini di Aleppo

“Là dove hanno fatto il deserto,

lo hanno chiamato pace”

Publio Cornelio Tacito, La vita di Agricola.

Cantano ancora i bambini di Aleppo

ora che la coperta è calda nella notte,

il rombo cupo non fa più paura

e suono che prelude il temporale,

le ombre s'allungano nella stanza

senza avvolgere il viso delle bambole.

Hanno ancora negli occhi il rogo

delle case e nelle mani piaghe di paura

col filo spinato ancora tra le dita

e la borraccia a tracolla semivuota.

Hanno visto il fuoco della pelle

marchio d'infamia dei vinti, memoria

della viltà e del silenzio dei forti.

Nascondono un fiore dentro il diario

per segnare i giorni trascorsi

a contare il silenzio delle grida

Ah, com'è triste il giorno senza voci,

ogni silenzio è una croce nel mio cuore.

Canteranno ancora i bambini di Aleppo

nella Valle di Elah, verso il giardino

dei ciliegi in fiore.

 

 

 

Autore

 

Titolo

 

Città

Gloria Venturini

 

Dedicata (alle mie figlie)

 

Lendinara (Rovigo)

Dedicata (alle mie figlie)

Accanto da sempre,

                    cosi io vi sento.

un continuo di ritorni

sulla scia antica del tempo,

un intreccio di mani senza fine,

scritte indelebili tra le pagine del destino,

anime unite nell'eternità.

L'accadere della vita trasforma i volti,

ma i profili nel cuore rimangono intatti.

Come racconti raccolti dal vento,

si srotolano le storie che ci appartengono,

siamo essenze, particelle multiple,

carne e sangue, spirito e anima,

grazie per aver abitato il mio ventre.

Come riflessi d'incanto nell'universo,

siamo polline di luce della stessa stella.

Eppure, non ci sorprenderà

I'austerità delle stagioni,

né l’indifferenza dei bisogni dell'esistenza,

né il tempo speso inseguendo il sogno infinito.

 

Noi siamo un intreccio smisurato d'amore,

voi a donarlo, e io a comprenderlo.

 

SEGNALATI

Immagini della giornata

  • Titolo:  Guerra

    Autore

     

    città

    Manola Foglia

     

    Celano (L’Aquila)

  • Titolo:  Schiuma rossa

    Autore

     

    Città

     

    Enzo Bacca

     

    Larino (Campobasso)

  • Titolo: Di quel che Pandora vide

    Autore

     

    Città

     

    Davide Rodorigo

     

    Civitella Roveto (L’Aquila)

     

  • Titolo: Munnu améaru

    Autore

     

    Città

    Angelo Canino

     

    Acri (Cosenza)

     

  • Titolo: Ai versanti della scogliera

    Autore

     

    Città

    Assunta Spedicato

     

    Corato (Bari)

  • Titolo:  Stretta a te

     

    Autore

     

    Città

     

    Mechilli Jasmine

     

    Civitella Roveto (L’aquila)

     

Premio poesia Ragazzi scuola media Avezzano

1° Premio

2° Premio

3° Premio

Autore

 

Titolo

 

Città

 

Dalila De Foglio

 

La mia musica

 

Avezzano

scuola media Vivenza

 

La mia musica

Prendo il mio violino

Inizio a suonare

Sento che nell'anima c'è un'aria leggera e soave

 

Ripenso ai miei momenti più felici

Trascorsi con i miei amici.

 

Sento che sto accarezzando la musica

E capisco che la mia musica lontana va

E chissà dove arriverà.

 

Il mio segreto manterrà

E mai nessuno la cambierà

 

 

Autore

 

Titolo

Giovanni Pomponio

 

Chitarra

CHITARRA

Chitarra, appena ascolto il suono dell'accordo

tutti i mali io mi scordo.

Chitarra, tu mi fai divertire con gli amici

e ci fai essere felici.

Chitarra, ogni tuo suono per me d un canto,

una strofa, una rima e un pizzico di pianto

Chitarra, sei I'armonia degli adolescenti

per il suono degli appoggi e i pizzichi lenti.

 

 

Autore

 

Titolo

Niccolò Bove

 

I monti

 

I monti

Lontano della vista

Si ergono quieti monti

Vaghi all'orizzonte

Danzan davanti agli occhi.

Perso è lo sguardo

Nell'enorme vastità

Del tutto e del nulla,

Di tutti e di nessuno.

Viaggia la mente

Senza alcuna certezza,

Senza alcun dubbio

Fra i quieti monti.

SEGNALATI

  • Titolo:  Summertime

    Autore

     

    città

    Andrea Antonini

     

    Avezzano

  • Titolo:  L’inverno

    Autore

     

    Città

     

    Mattia Rosati

     

    Avezzano

  • Titolo: Il bullo nella bolla

    Autore

     

    Città

     

    Ruben Bielli

     

    Avezzano

     

  • Titolo: Cristalli di neve

    Autore

     

    Città

    Riccardo D’Orazio

     

    Avezzano

     

Premio poesia Ragazzi scuola media Trasacco

1° Premio

2° Premio

3° Premio

Autore

 

Titolo

 

 

 

Martina Panetta

 

Scusa se sono io

 

 

 

Scusa se sono io

 

Scusa se sono io

venuto a parlarti di questo.

 

Scusa se sono io

che ti parlo di egoismo.

 

Scusa se sono io

che ti dico che non ci sono razze.

 

Scusa se sono io

che ti propongo questo argomento

ma è bene che tu sappia e che

ascolti un momento.

 

Scusa se sono un immigrato

e sono venuto a trovare rifugio

sotto il tuo stesso tetto.

 

Scusa se sono venuto nel tuo paese

e ti sono sembrato un pò scortese.

 

Scusa se sono scappato da un paese di guerra

dove non si aveva niente e si dormiva per terra.

 

Scusa se sono senza soldi

e non ho viaggiato per altri mondi.

 

Scusa se ho vissuto una brutta vita

e questa mi è sembrata una via d’uscita.

 

Scusa se mi sono imbarcato

in un destino tanto sperato.

 

Scusa se ciò che ho sperato

non si è dimostrato quello che avevo tanto sognato.

 

Scusa se ho trovato solo questa terra di passaggio

e non ho continuato il mio viaggio.

 

Scusami se ti sto aprendo il cuore

di chi ha guardato fuggire la propria gente con terrore.

 

Scusami se mi sono presentato come sono

Scusa se sono io.

 

Autore

 

Titolo

Jasmine Salvati

 

Sono Libera

 

Sono Libera

Sono libera,

sono libera di essere me stessa

sono libera di provare paura

sono libera di sognare.

Sono libera, sono libera di volare

Sono libera di sorridere

Sono libera nella Solitudine

Sono libera,

sono libera di Vergognarmi

sono libera dalla cattiveria

sono libera di essere felice

sono libera,

sono libera di voler bene

sono libero di fare ciò che sento

sono libera dalla gente.

Sano libera dal dolore

Sono libera da me stessa

sono libera dal mondo.

Sono libera

sono libera da tutto ciò che mi circonda

Sono libera di vivere

Sono libera di cadere nei momenti difficili

sono libera

sono libera di rialzarmi dalle cadute

sono libera di piangere

sono libera nel mio mondo unico

Sono libera

sono libera da tutto

sono libera da tutti

Sono libera di pensare

Sono libera,

sono libera di esprimere la mia opinione

sono libera di cambiare

sono libera di provare sentimenti

sono libera,

sono libera dai pensieri

sono libera dalla guerra

sono libera,

sono libera come una farfalla

in mezzo a un prato fiorito

sono libera come una stella in un cielo stellato

sono libera di essere libera.

 

 

 

Autore

 

Titolo

 

Renato Arcieri

 

La musica nell’anima

 

La musica nell’anima

 

Come il colore per un pittore

o I'alfabeto per un narratore,

cosi la musica per ogni cuore,

esprime un messaggio, ti

porta altrove.

 

E' rabbia e passione, pace e

ribellione, è danza e movimento,

è cultura di ogni tempo.

E’ un alfabeto assai speciale

che unisce gli uomini, anche oltremare,

che suscita ricordi e placa ogni

tormento, la musica d una cura

e va oltre il firmamento

 

E quando una frase, con le parole è

vuota, la riempi con la musica,

anche con una sola nota.

 

 

 

SEGNALATI